Reparti e mansioni

 

Un’agenzia si può classificare come una società di servizi nel campo della moda e dello spettacolo ed è costituita da una serie di figure professionali. Alcune classiche ed altre decisamente tipiche solo di questo settore.

In generale l'organigramma, cioè lo schema dei dipendenti, di una agenzia di modelle o di spettacolo è relativamente piatto. Esiste un titolare o un direttore che coordina e supervisiona il lavoro dell'agenzia; il resto degli impiegati, per quanto lavori in settori diversi, deve poter interagire in continuazione per il buon esito del lavoro dell'agenzia.

 

Normalmente un'agenzia ha il reparto commerciale, dove vengono vendute le prestazioni delle modelle e dei modelli; un reparto amministrativo, dove vengono fatturati i lavori effettuati dai modelli e vengono sbrigate varie altre procedure burocratiche e amministrative; una reception per il ricevimento e smistamento delle telefonate e l'accoglienza dei clienti, dei fornitori e degli aspiranti modelli; uno o più fattorini per l'invio e il ritiro dei materiali dell'agenzia - i books delle modelle/i - verso e dai clienti.

 

Alcune agenzie hanno anche un reparto eventi e collaborazioni dove vengono curati gli eventi istituzionali dell'agenzia o quelli commissionati da alcuni clienti dell'agenzia stessa. E' il caso dell'agenzia Riccardo Gay che ha avuto per anni un reparto che ha saputo degnamente gestire eventi nazionali come il concorso di bellezza "Bellissima" o il più recente "Pantene Protagonist", oltre a collaborare con pretigiosi marchi italiani e stranieri per importanti collaborazioni ed eventi.

 

Il booker

 

La figura cardine dell'agenzia di modelle è il booker, che lavora al settore commerciale dell'agenzia, guarda caso detto...booking.

Non esiste una vera e propria traduzione italiana del termine, la parola è stata importata dal mondo anglosassone e tale è rimasta.  Il booker può essere un uomo o una donna ed è il procacciatore di lavoro della modella o del modello. E' quello che chiama il cliente o riceve la chiamata dello stesso e si occupa di definire e pianificare tutti i dettagli del lavoro.

 

Un altro aspetto del lavoro del booker è strettamente legato al suo rapporto con la modella o il modello.

Il booker diventa spesso per loro un referente a tutto tondo per ogni aspetto della vita quotidiana. Non ci sono agenzie di modelle ad ogni angolo delle nostre città; ce ne sono diverse, ma le migliori e quelle che possono dare prospettive più sicure e una chance in più, sono a Milano, Roma e in alcuni capoluoghi di provincia italiani.

Perciò, che si tratti della adolescente italiana o della ragazza americana, quando si approda in una agenzia si è spesso sradicati, anche per lunghi periodi, dalla propria città, dalla famiglia e dalle amicizie.

 

Capita anche con gli studi, ma in questo caso è un po' diverso, quando studiamo, molto del risultato dipende anche dalla nostra preparazione; quando ci affacciamo nel mondo della moda, un buon risultato non dipende solo da noi, ma da una combinazione di fattori non sempre prevedibili.

E allora serve un punto di riferimento. Fra i modelli ed il o la booker si crea uno speciale rapporto per cui il booker diventa il confidente, l'amico a cui chiedere consiglio e conforto nei momenti di indecisione e tristezza.

 

Ci sono agenzie in cui ad ogni booker viene affidato un certo numero di modelle da gestire, in altre il booker gestisce un certo numero di clienti, ma può lavorare con qualsiasi modella. In un caso e nell'altro è importante sia per il booker, che per la modella, avere un rapporto sereno e di reciproco rispetto: giova moltissimo al lavoro del primo e al successo della seconda.

 

 Le altre mansioni

 

Non vogliamo certo sottostimare le altre mansioni del personale di un'agenzia di moda o spettacolo, ma il booker è e rimane il cuore pulsante della struttura.

Tutto il resto del personale lavora in simbiosi col reparto booking, migliori e più trasparenti sono i rapporti, migliore è l'esito del lavoro per tutti.

 

Se il booker passerà con precisione i dettagli del lavoro di una modella nel reparto amministrativo, le procedure di fatturazione e pagamento saranno più semplici e veloci.

Altrimenti ci saranno lungaggini e perdite di tempo per richieste di dati mancanti e chiarimenti.

 

Una buona coordinazione e un continuo scambio di informazioni tra il booker e la reception e i fattorini, farà si che si sia sempre al corrente di arrivi e partenze e degli spostamenti dei books delle modelle da un cliente all'altro.

 

Se esiste una persona addetta alla logistica delle modelle (cioè gli arrivi, le partenze e i soggiorni in residences e hotels), un costante dialogo tra il booker e questa persona ottimizza il lavoro e allontana gli inconvenienti. Se si è avvisati all'ultimo dell'arrivo di una modella, specie nel periodo delle sfilate, non sarà così facile trovarle una sistemazione comoda ed economica.

 

Se nell'organico dell'agenzia esiste una persona che si occupa dei rapporti coi fotografi, di fissare le date dei servizi fotografici e del ritiro delle stampe, conoscere la disponibilità giornaliera della modella sarà fondamentale. E questi dati possono essere forniti dal booker, che deve conoscere ogni spostamento giornaliero della modella.